Statuto AVO San Donato

Art. 1 – L’AVO
L’AVO (Associazione Volontari Ospedalieri) di San Donato Milanese, con ininterrotta attività dal 1985, regolarmente costituita, a norma delle disposizioni del Codice Civile, con atto a rogito del Notaio Andrea Soana di S. Donato Milanese n. 23775 di Rep. del 4/11/85, registrato a Milano il 15/11/85 al n. 22767 serie H, conferma la sua forma giuridica di “Associazione di Volontariato” ed agisce in conformità e nei limiti della legge n. 266/1991 e delle leggi statali e regionali in materia.
L’Associazione “AVO.” ha struttura e contenuti democratici, ha durata illimitata, ha la propria sede in San Donato Milanese ed è associata alla Federavo con sede in Milano.

Art. 2 – Finalità – Disposizioni generali
L’ AVO:
a) in obbedienza al Vangelo e con la partecipazione di tutti gli uomini di buona volontà, intende rendere a tutti coloro che non si trovano nella pienezza dei propri mezzi fisici, e psichici, un servizio qualificato, volontario e gratuito;
b) fonda la sua attività istituzionale e associativa sui principi costituzionali della democrazia e della partecipazione sociale;
c) esclude qualsiasi fine di lucro anche indiretto, operando esclusivamente per fini di solidarietà sociale, civile e culturale;
d) opera nelle strutture ospedaliere e nelle strutture socio-assistenziali alternative con un servizio organizzato, qualificato e gratuito per assicurare una presenza amichevole accanto ai malati nell’ambito delle strutture stesse offrendo loro durante la degenza, calore umano, dialogo, aiuto per lottare contro le sofferenza, l’isolamento, la noia: con esclusione però di qualunque mansione tecnico-professionale di competenza esclusiva del personale medico e paramedico. E’ una presenza che integra e non si sostituisce a quelli che sono i compiti perseguiti e le responsabilità assunte dalle organizzazioni nelle quali svolge la sua attività;
e) collabora con le Istituzioni per perseguire gli obiettivi di umanizzazione delle strutture nel rispetto dei ruoli e delle competenze previste dalla normativa vigente.

Art. 3 – Associati
L’AVO è aperta a tutte le persone fisicamente e psicologicamente idonee che siano maggiorenni, che ne condividano gli scopi e ne accettino lo Statuto e che intendano svolgere un servizio di volontariato qualificato, organizzato e gratuito a favore di ricoverati presso presidi sanitari e socio-assistenziali.
Ad ogni aspirante socio è richiesta, come condizione essenziale, una adeguata formazione, che lo metta in grado di realizzare, nel migliore dei modi, le finalità, i compiti e gli obiettivi dell’Associazione.
L’ammissione all’Associazione è deliberata a giudizio insindacabile dal Consiglio Esecutivo su domanda dell’aspirante Socio e decorre dalla data della delibera.
I Soci hanno diritto di partecipare alle assemblee, di votare di direttamente o per delega, di svolgere l’attività preventivamente concordata e organizzata, non che di recedere dall’appartenenza all’Associazione.
I Soci, inoltre, hanno l’obbligo di rispettare le norme del presente Statuto, di pagare le quote sociali ed i contributi nell’ammontare fissato dall’assemblea e di prestare l’attività preventivamente concordata ed organizzata.
I Soci hanno tutti pari diritti e doveri.

Art. 4 – Finanziamento
L’Associazione trae le risorse economiche per il funzionamento e lo svolgimento della propria attività da:
- quote associative e contributi degli aderenti;
- contributi di privati;
- contributi dello Stato, di Enti e di Istituzioni pubbliche;
- contributi di organismi internazionali;
- donazioni e lasciti testamentari;
- rimborsi derivanti da convenzioni;
- entrate derivanti da eventuali attività commerciali e produttive marginali;
- rendite di beni mobili o immobilj. pervenuti all’organizzazione a qualunque titolo.
I fondi sono depositati presso l’Istituto di credito stabilito dal Consiglio Esecutivo.
Le operazioni sui conti saranno effettuate dalle persone designate dal Consiglio attraverso delega del Presidente.
L’Associazione chiude il proprio esercizio finanziario al 31 dicembre di ogni anno .
L’Associazione curerà la tenuta del bilancio preventivo e conto consuntivo annuali, nonché la tenuta di un registro per l’inventario dei beni (mobili e immobili) da aggiornarsi ad ogni fine di esercizio finanziario.
Il bilancio preventivo e il conto consuntivo vanno deliberati dal Consiglio Esecutivo rispettivamente entro il 31 dicembre ed il 31 gennaio ed approvati dall’Assemblea entro i successivi tre mesi.

Art. 5 – Gli Organi dell’Associazione
Sono Organi dell’Associazione:
- Assemblea dei Soci;
- Consiglio Esecutivo; Presidente;
- Collegio dei Revisori dei conti;
- Collegio dei Probiviri.

Art. 6 – Assemblea
L’Assemblea è costituita da tutti i Soci dell’Associazione.
Essa è presieduta dal Presidente ed è convocata dal Presidente stesso in via ordinaria una volta all’anno e in via straordinaria ogni qual volta il Presidente lo ritenga necessario.
La convocazione può avvenire anche su richiesta di almeno un decimo dei soci; in tal caso il Presidente deve provvedere alla convocazione entro 15 giorni dal ricevimento della richiesta e l’Assemblea deve essere tenuta entro 30 giorni dalla convocazione.
In prima convocazione l’Assemblea è regolarmente costituita con la presenza della metà più uno dei soci presenti in proprio o per delega da conferirsi al altro Socio.
In seconda convocazione è regolarmente costituita qualunque sia il numero dei soci presenti in proprio o per delega.
Ciascun socio non può essere portatore di più di due deleghe.
Le deliberazioni dell’Assemblea sono adottate a maggioranza semplice di presenti, fatto salvo quanto previsto dal successivo art. 19.
L’assemblea ha i seguenti compiti:
- eleggere i membri del Consiglio Esecutivo;
- eleggere i componenti del Collegio dei Probiviri;
- eleggere i componenti del Collegio dei Revisori;
- approvare il programma di attività proposto dal Consiglio esecutivo;
- approvare il Bilancio preventivo;
- approvare il Bilancio consuntivo;
- approvare le richieste di modifica statutaria di cui all’art. 19 e di scioglimento di cui all’art. 18;
- stabilire l’ammontare delle quote sociali e dei contributi a carico degli aderenti.

Art. 7 – Consiglio Esecutivo
E’ composto da 7 a 11 membri ed elegge, nel suo seno, il Presidente. che ha la rappresentanza dell’Associazione, e un Vicepresidente che ne fa le veci in assenza o impedimento del Presidente.
Al Consiglio sono attribuiti i seguenti compiti:
- fissare le norme per il funzionamento dell’Associazione;
- sottoporre all’approvazione dell’Assemblea i bilanci preventivo e consuntivo annuali;
- determinare il programma di lavoro in base alle linee di indirizzo contenute nel programma generale approvato dall’Assemblea. promuovendo e coordinando l’attività, distribuendo i compiti. procurando gli strumenti e autorizzando le spese occorrenti;
- nominare il segretario, il tesoriere e gli altri responsabili e coordinatori di settore anche all’infuori dei suoi componenti; – accogliere o rigettare le domande degli aspiranti aderenti;
- in genere provvedere a tutti gli atti di amministrazione.
Il Consiglio esecutivo di riunisce su convocazione del Presidente almeno una volta ogni 3 mesi e quando ne faccia richiesta almeno un terzo dei componenti.

Art. 8 – Il Presidente
Il Presidente, che è anche Presidente dell’Assemblea e del Consiglio, è eletto da quest’ultimo nel suo seno a maggioranza di voti.
Egli cessa dalla carica secondo le norme del successivo art. 13 e qualora non ottemperi a quanto disposto nei precedenti art. 7 e 8.
In caso di necessità e di urgenza assume i provvedimenti di competenza del Consiglio esecutivo sottoponendoli a ratifica nella prima riunione successiva.

Art. 9 – Collegio dei Revisori
E’ composto di tre membri ed elegge fra essi il Presidente. Provvede al controllo dei conti dell’associazione e riferisce annualmente all’Assemblea.
Esercita i poteri e le funzioni previsti dagli artt. 2403 e seg. del C.C. .

Art. 10 – Collegio dei Probiviri
E’ composto da tre membri ed elegge fra essi il Presidente.
E’ investito, su proposta del Consiglio esecutivo delle questioni di carattere disciplinare e decide in via definitiva sull’esclusione per gravi motivi del Socio, quali che siano le funzioni ricoperte, ai sensi del successivo art. 16.
Esso giudica ex bono et aequo senza formalità di procedure. Il provvedimento emesso è inappellabile.

Art. 11 – Segretario e Tesoriere
Il Segretario coadiuva il Presidente e ha i seguenti compiti:
- provvede alla tenuta e all’aggiornamento del registro degli aderenti;
- al disbrigo della corrispondenza;
- alla redazione e conservazione dei verbali delle riunioni dell’assemblea e del Consiglio Esecutivo;
- coordina l’attività delle altre persone addette alla Segreteria.
Il Tesoriere :
- predispone lo schema dei bilanci preventivo e consuntivo;
- cura la tenuta dei registri e della contabilità e la conservazione della documentazione relativa;
- provvede alla riscossione delle entrate ed al pagamento delle spese.

Art. 12 – Norme riguardanti gli incarichi sociali
La elezione delle cariche di un Associazione è potere che spetta all’Assemblea in esclusiva. Occorre pertanto che qualora si verifichino sostituzioni di queste in corso di durata dell’organo, la cooptazione dei sostituti sia immediatamente sottoposta all’approvazione dell’Assemblea dei soci oppure si attui mediante la cooptazione del 1° dei non eletti.
La sostituzione non è ammessa quando i componenti rimasti siano meno della metà del numero previsto per il Consiglio Esecutivo e meno di due per il Collegio dei revisori e per il Collegio dei Probiviri.
Tutte le cariche sociali e gli incarichi associativi possono essere revocati, con deliberazione motivata, dallo stesso Organo che ha provveduto alla nomina, ancora prima della scadenza, per ragioni di opportunità associativa.

Art. 13 – Copertura Assicurativa
L’Associazione curerà per i propri aderenti che prestano attività di volontariato la copertura assicurativa come prescritto dalla normativa vigente.
Al volontario non compete alcuna rivalsa nei confronti dell’Associazione per danni o responsabilità legate o conseguenti alla sua attività di Volontario.

Art.14 – Quota Sociale
La quota associativa è fissata dall’Assemblea. Essa è annuale, non è restituibile in caso di recesso o di perdita della qualità di aderente. I soci non in regola con i pagamenti delle quote sociali non possono partecipare alle riunioni dell’Assemblea ne prendere parte alle attività della Associazione. Essi non sono elettori e non possono essere eletti alle cariche sociali.

Art. 15 – Perdita della qualità di Socio
Perdono la qualità di Socio:
- coloro che non versano la quota sociale per due anni consecutivi;
- i dimissionari ;
- coloro che, in base a decisione del Consiglio esecutivo, per violazioni delle norme statutarie o per altri gravi motivi, risultano nuocere al prestigio o arrecare pregiudizievoli intralci alla regolare attività della Associazione.
Contro il provvedimento di esclusione è ammesso ricorso al Collegio dei Probiviri il quale decide in via definitiva.
In attesa della decisione il Consiglio Esecutivo ha facoltà di sospendere il Socio da qualsiasi attività associativa.

Art. 16 – Pubblicazioni e Periodici
L’AVO, compatibilmente con la disponibilità di bilancio, può pubblicare un periodico, sotto l’osservanza delle norme di legge sulla stampa, per fornire notizie sull’attività della Associazione anche ai fini di propagandare la stessa.

Art. 17 – Scioglimento dell’Associazione
Nel caso di scioglimento della Associazione il patrimonio sarà devoluto ad altre Associazioni di volontariato in grado di garantire la destinazione a fini analoghi a quelli del presente Statuto.

Art. 18 – Modifiche allo Statuto
Le proposte di modifica allo Statuto possono essere presentate dall’Assemblea, da uno degli organi o da almeno un decimo dei Soci. Le relative deliberazioni e i provvedimenti di cui al precedente art. 18 sono approvate dall’Assemblea con il voto favorevole della maggioranza assoluta dei Soci.

Art. 19 – Abrogazione precedenti norme statutarie
Con l’approvazione da parte dell’Assemblea dei Soci del presente Statuto debbono intendersi annullate tutte le
norme statutarie precedenti.

Art. 20 – Norme di rinvio
Per quanto non previsto dal presente Statuto si applicheranno le norme di legge.

Corso Base di formazione

Il corso 2017 si svolgerà dal 26 ottobre al 18 novembre.

Per informazioni vai nella pagina "EVENTI"
________________________________

Aiuta AVO San Donato

Dona il tuo 5x1000 ad AVO.
Inserisci nella tua dichiarazione dei redditi il codice fiscale
97117270153
Per erogazione liberale:
BONIFICO Banca di Credito Cooperativo di Caravaggio
IBAN IT03 0084 41 33 7100 0000 0026 885

BONIFICO Banca Centropadana-Credito Cooperativo scrl
IBAN IT57 R083 2433 7100 0000 0555 054

Contattaci

La nostra sede è in:
Via Unica Bolgiano, 2, San Donato Milanese (Mi)
Telef. 0251800628
Email: avosandonatomilanese@virgilio.it
ORARI SEGRETERIA:
martedì dalle 10.00 alle 12.00
giovedì dalle 16.30 alle 18.30